DIETA CHETOGENICA

Troppo spesso vediamo persone che, con la voglia di perdere molto peso velocemente, si dilettano nel farsi diete estreme, routine alimentari le quali prevedono un apporto glucidico bassissimo, a volte con pochissimi grassi e proteine non sufficientemente alte.

Erroneamente un approccio di questo tipo viene chiamato con il termine "dieta chetogenica", in realtà questa metodologia prevede un apporto di glucidi (carboidrati) abbastanza basso, entro i 30/40g al giorno, un alto consumo di lipidi (almeno del 65%) e di proteine (20-30%). Le fonti lipidiche rappresenteranno gran parte delle calorie di ogni pasto.

E' una dieta adatta a tutti? Fa bene? Ci sono controindicazioni? Per quanto tempo può essere fatta?

Come potrete ben immaginare, non rappresenta l'ideale approccio alimentare per una persona in salute, infatti dovete considerare che il nostro sistema nervoso funziona meglio in quantità di carboidrati di almeno 120-150g / die. E' vero che il nostro corpo, una volta limitate le fonti glucidiche, andrà ad utilizzare i grassi e le proteine per prodursi glucosio, ma è anche vero che questa alterazione metabolica a lungo andare provoca scompensi, e non di poca importanza. Il ph del sangue diventerà più basso (acidosi), avremo cali di pressione non da poco durante la giornata, il fegato dopo troppe settimane sarà in sovraccarico e l'intestino sarà povero di fibre...

Però c'è da dire che un approccio di questo genere può essere utile e magari anche più efficace degli altri per una persona che ha veramente tanti kg da perdere, in questo caso però, data anche la malnutrizione precedente, si consiglia, prima di iniziare una dieta chetogenica, di farsi consigliare da un nutrizionista e di assolutamente non togliere i carboidrati in maniera "fai da te".

Una volta intrapresa la fase di "chetosi" sarà opportuno programmare delle ricariche di glucidi ogni tot settimane, in modo di "dare una tregua" al nostro organismo per 1-2 giorni.

Raccomando di non proseguire questa tipologia di dieta per oltre 4 mesi.

Un ulteriore consiglio è quello di integrare con multivitaminici, zinco e altri minerali, soprattutto se state facendo una dieta di questo genere.

Vi ricordo inoltre di aumentare di un pò l'introito di acqua e cercare di mangiare della verdura almeno nei pasti principali come il pranzo e la cena.


4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Con il termine ritenzione idrica si indica la trattenuta di liquidi da parte del nostro corpo, i quali non vengono rimossi nel modo corretto. Tantissime persone ne soffrono, chi più e chi meno ma sopr

L'olio d'oliva viene utilizzato a tavola la maggior parte delle volte che si vuole condire il proprio piatto e spesso anche per cucinare, ma siamo sicuri che sia sempre la soluzione migliore? Prima di

Premessa: In questo articolo mi rivolgerò a persona sane, quindi in assenza di qualsiasi patologia. Quante volte a settimana sentite le persone dire che stanno facendo la "dieta" per dimagrire? Oppure