IL SALE FA BENE?

Il sale va usato? Fa male? Effettivamente a cosa serve?

Il sale, o meglio dire "sodio" ( che è l'elemento che poi svolge varie funzioni), è un macro elemento essenziale per il nostro organismo.

Prima di trattare bene a cosa serve, è bene sapere che il sale da cucina che solitamente usiamo, non è fatto interamente di sodio, infatti circa il 40% è sodio, il resto è cloro.

Ma quanto importante è? Per rispondere in maniera completa a questa domanda bisognerebbe conoscere il meccanismo del funzionamento di una cellula, la contrazione muscolare e il concetto di osmolarità del plasma. Per semplificare un pò i concetti possiamo dire che il sodio è un minerale essenziale per regolare lo scambio cellulare di elettroliti e nutrienti, inoltre (assieme al Potassio e al Calcio) si occupa di far avvenire la contrazione muscolare. Infine regola l'osmolarità (concentrazione della soluzione) del plasma (nel sangue). Quindi capiamo bene che senza questo minerale non ci sarebbe la vita. Ma allora, perché spesso viene escluso dalla routine alimentare? Questo avviene perché purtroppo siamo abituati ad alimentarci con cibi che ne contengono già un'elevata quantità, dai cibi confezionati, alle patatine (piene di sale), i salumi, per non parlare delle salse più comuni. Da qui possiamo dedurre che, se si mangiano spesso alimenti già ricchi di sodio, è bene limitarlo se non quasi eliminarlo a tavola quando si condisce il piatto.

E' importante considerare che per le persone che soffrono di ipertensione devono stare più attenti all'assunzione dello stesso, nella maggior parte dei casi ne devono assumere in quantità molto ridotta. Allo stesso tempo, è bene ricordare che il fabbisogno giornaliero di sodio può variare considerevolmente in base allo stile di vita del soggetto, in base alla composizione corporea, al livello di ritenzione idrica, alla quantità di acqua che si beve e alle kcal che si introducono quotidianamente.

Un range considerato "normale" di sodio (giornaliero) va da circa 0.5 grammi a 3/3.5g. Sono valori standard e che quindi vanno SEMPRE contestualizzati.

Assumere il sodio in quantità maggiori del proprio fabbisogno porterà ad un aumento progressivo della ritenzione idrica indirettamente della cellulite.

Vi consiglio, se state assumendo il sodio nella giusta quantità, di aumentarlo leggermente durante il periodo estivo perché sicuramente suderete di più e probabilmente berrete più acqua.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Con il termine ritenzione idrica si indica la trattenuta di liquidi da parte del nostro corpo, i quali non vengono rimossi nel modo corretto. Tantissime persone ne soffrono, chi più e chi meno ma sopr

L'olio d'oliva viene utilizzato a tavola la maggior parte delle volte che si vuole condire il proprio piatto e spesso anche per cucinare, ma siamo sicuri che sia sempre la soluzione migliore? Prima di

Premessa: In questo articolo mi rivolgerò a persona sane, quindi in assenza di qualsiasi patologia. Quante volte a settimana sentite le persone dire che stanno facendo la "dieta" per dimagrire? Oppure